Dalla Regione 475 mila euro per lavori nei boschi dell'Appennino

( Sassalbo, 30 Aprile 19 )

In arrivo dalla Regione Emilia Romagna 475.000,00€ al Parco Nazionale dell'Appennino tosco emiliano per interventi di prevenzione delle foreste danneggiate da incendi, calamità naturali ed eventi catastrofici nell'ambito della misura 8.3 "del Piano di Sviluppo Rurale 2014-2020", strumento finanziario dell'Unione Europea che rappresenta la più importante fonte di contributi e di sostegno per gli imprenditori agricoli e forestali.

Gli interventi quest'anno saranno rivolti anche alla riqualificazione dei laghi sia dal punto di vista ambientale con sistemazione degli emissari in funzione dello smaltimento dei detriti che tendono a riempirli e a intorbidire le acque, sia in funzione antincendio come bacini utilizzabili dagli elicotteri soprattutto in relazione al cambiamento climatico. I laghi interessati dagli interventi sono quello del Cerreto in provincia di reggio Emilia e i Lagoni in provincia di Parma. Altri interventi riguardano l'accessibilità alle foreste con particolare riferimento alla viabilità in alta val Parma (Cancelli - Lagoni). Sarnno inoltre proseguiti gli interventi di messa in sicurezza della foresta demaniale val Parma dopo gli attacchi parassitari iniziati a seguito della siccità del 2004.

Condividi su
 
© 2019 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54010 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr