Mab Unesco: I Care Appennino per Bper Banca e per i giovani agricoltori di Slow Food

( Sassalbo, 14 Febbraio 19 )

Saranno Bper Banca e un gruppo di giovani produttori agricoli dell'alto Appennino reggiano collegati a Slow Food i primi, in Emilia, a ricevere il brand I care Appennino (Mi prendo cura dell'Appennino) dalla Riserva della Biosfera Unesco dell'Appennino tosco-emiliano.

Il riconoscimento viene assegnato per specifici progetti: Bper Banca ha scelto di sostenere il programma di educazione all'ambiente La Scuola per l'Appennino, che prevede incontri di formazioni per insegnanti e laboratori per gli studenti. L'Istituto ha realizzato inoltre la carta speciale prepagata I care destinata a un pubblico giovane e socialmente responsabile.

Si chiama, invece Appennino in città il progetto proposto dalla Comunità Slow food Appennino reggiano, composto da giovani agricoltori di montagna, che organizza il mercato della terra nella città di Reggio Emilia, oltre ad alcuni laboratori culturali.

"I care Appennino - spiega Fausto Giovanelli, coordinatore della Riserva di Biosfera e presidente del Parco Nazionale - non è un semplice logo o un'etichetta in più da applicare su un prodotto per certificarne le qualità: la strategia di branding dell'Appennino tosco-emiliano intende valorizzare il territorio e il ruolo delle sue comunità. Ci rivolgiamo a consumatori e turisti, ma soprattutto a residenti e imprese. Intendiamo in questo modo promuovere ciò che significa veramente Mab (Man and the Biosphere), ovvero un equilibrio tra uomo e biosfera, basato su qualità sociale, relazioni umane e senso di appartenenza a questo territorio".

"Bper Banca è impegnata nel sostegno di diversi progetti in favore della tutela ambientale, obiettivo che perseguiamo con particolare attenzione - dichiara Marco Bonezzi, responsabile direzione territoriale Emilia Ovest di Bper Banca -. Crediamo in particolare nel ruolo delle nuove generazioni, come testimonia il nostro supporto al programma La Scuola per l'Appennino, che ci è valso questo importante riconoscimento".

Il brand I care Appennino viene concesso a quei progetti che realizzano iniziative il cui scopo sia prendersi cura del territorio, della biodiversità e delle comunità dell'Appennino tosco-emiliano, in modo che ciascuno possa riconoscersi in essi e farsene attore o ambasciatore.

I conferimenti verranno assegnati in occasione della terza assemblea consultiva della Mab, che si terrà a Fivizzano in Lunigiana martedì 19 febbraio.

Oltre a Bper Banca e alla rete Appennino in città, saranno premiati anche altri progetti importanti per la Mab dell'Appennino, come Turismo rurale e responsabile della cooperativa Sigeric (Lunigiana), La prendiamo di petto delle Associazioni 'Il ritrovo di Roberta' e Assistenza pubblica Cav (Garfagnana) che si prende cura delle donne colpite da tumore al seno, la Filiera corta e solidale dell'Azienda agricola Biologica Montagnana che produce Parmigiano Reggiano Bio, il Recupero edilizio per la sicurezza e l'efficienza energetica dell'Associazione Obiettivo Casa e Boschi e cambiamento climatico, che prevede interventi sulle foreste appenniniche per renderle più resistenti di fronte alla minaccia dei cambiamenti climatici.

Condividi su
 
© 2019 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54010 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr