Martedì 18 dicembre, presentazione del progetto Parigi non solo andata e cena di auguri

( Sassalbo, 14 Dicembre 18 )

In occasione della Giornata Internazionale del Migrante, martedì 18 dicembre, dalle ore 19.45 all'Oratorio Don Bosco di Castelnovo ne' Monti, si svolgerà una serata dedicata al progetto 'Non solo andata - Parigi 2018. Presentazione di storie di migrazione e di cacciatori di storie'. Gli studenti - indirizzo turistico e gli insegnanti dell'Istituto Mandela, insieme allo staff del progetto Parco Appennino nel Mondo, racconteranno il loro viaggio condotto a caccia di storie e testimonianze raccolte tra gli emigrati d'Appennino a Parigi. L'incontro sarà anche l'occasione per presentare una nuova declinazione del progetto 'Mondo nel Parco' che riguarda tutte le persone che scelgono l'Appennino e il Parco Nazionale come luogo per vivere e lavoro.
Il progetto 'Non solo andata - Parigi 2018' è sostenuto dalla Assemblea legislativa - Consulta Emiliani Romagnoli nel Mondo. 
"C'è una comunità diffusa che trova il suo fulcro nella MAB UNESCO dell'Appennino tosco-emiliano - afferma il presidente Giovanelli - C'è un'Appennino di persone che vive in tutto il mondo; c'è un mondo di persone che vive in Appennino. Ci sono storie di esperienze, di viaggio, di emozioni legate alla migrazione."
La serata sarà anche l'occasione per la cena di auguri di buone feste a cura dell'Istituto Mandela e del progetto Parco Appennino nel Mondo (contributo di partecipazione alla cena 15 euro). La prenotazione è obbligatorio scrivendo a mabappennino@gmail.com - Tel. 0522610515

Condividi su
 
© 2019 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54010 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr