PRESENTAZIONE GEOGUIDA della PIETRA DI BISMANTOVA e GESSI TRIASSICI

( Sassalbo, 15 Ottobre 18 )

Giovedì 25 ottobre alle 18.00 presso l'Aula Magna dell'Università a Reggio Emilia (via Allegri 9) sarà presentata la geoguida della Pietra di Bismantova e dei Gessi Triassici (Appennino reggiano), un nuovo prodotto cartografico corredato da immagini e testi. Uno strumento divulgativo maneggevole e sintetico pensato per turisti curiosi, escursionisti, docenti, studenti e per tutti coloro che desiderano conoscere meglio il nostro Appennino.
Attraverso una carta geologica semplificata, la geoguida conduce lungo un percorso didattico tra i sentieri del CAI, e partendo dall'osservazione degli elementi maggiormente visibili e più evidenti della geologia "racconterà la storia" di queste due importanti emergenze naturalistiche, la Pietra e i Gessi, incluse nel Parco Nazionale e nella Riserva MaB Unesco.

La mappa presenta, inoltre, una sintesi dei Siti Rete Natura 2000 e dei Geositi interessati, oltre a dare informazioni utili e segnalazioni su dov'è possibile dormire e mangiare.  

"Abbiamo dedicato particolare attenzione all'impianto grafico e l'editiing della cartografia – spiegano i curatori - affinché la geoguida sia il più possibile comunicativa delle forme del territorio; anche la scelta di stampa su polyart va in questa direzione. La realizzazione della mappa è parte di un progetto di valorizzazione più ampio per rafforzare la conoscenza dei geositi della Riserva MAB UNESCO dell'Appennino tosco-emiliano. Azioni che hanno coinvolto e coinvolgono docenti, guide GAE, alunni e turisti, realizzate dall'Unione Montana dell'Appennino Reggiano insieme al Parco Nazionale, grazie ad un finanziamento della Regione Emilia Romagna, in collaborazione con i Comuni di Castelnovo ne' Monti, Villa Minozzo e Canossa."

La geoguida è disponibile sia in italiano che in inglese ed è scaricabile anche in formato digitale per smartphone.

Alla presentazione di giovedì 25 saranno presenti:
- gli autori Stefano Lugli, Alessandra Curotti, Enrico Casolari,
- Fausto Giovanelli, presidente Parco Nazionale e coordinatore della MAB UNESCO d'Appennino Tosco Emiliano
- Enrico Bini, presidente Unione Montana

Ai partecipanti dell'incontro sarà distribuita una copia della geoguida.

Condividi su
 
© 2018 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54010 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr