Turismo sostenibile nel Parco Nazionale

Una giornata speciale al Rifugio Lagoni

( Sassalbo, 29 Agosto 18 )

La voglia di natura e relax non finisce ad agosto, anzi. Il Parco Nazionale dell'Appennino Tosco Emiliano inaugura il calendario di appuntamenti di settembre con una giornata dedicata al turismo sostenibile, organizzata con il Rifugio Lagoni in Alta Val Parma e i Comuni di Monchio delle Corti e Corniglio.

La strada Forestale Cancelli - Lagoni - Valditacca sarà a totale disposizione di escursionisti e bikers, chiusa ai mezzi motorizzati dalle 24 del 31 sino alle 20 di sabato 1 settembre. Una sperimentazione che il Parco Nazionale ha proposto a Comuni e operatori turistici.

"Il percorso  Cancelli - Lagoni- Valditacca - spiega Giuseppe Vignali, Direttore del Parco Nazionale - è uno dei più interessanti dell'Appennino settentrionale: nel primo tratto si percorre la lussureggiante foresta demaniale per poi giungere ai Lagoni, spettacolari laghi gemelli in serie custoditi fra rocce scolpite dal ghiaccio. Dai Lagoni si sale al Passo della Colla e da qui la strada si sposta ai piedi del Monte Navert rendendo visibile tutta  la catena dei monti della Val Cedra e, in fondo alla valle, il bel paesino di Valditacca". 

La strada fu costruita dai forestali e dal consorzio di bonifica per consentire i lavori di sistemazione della valle ed oggi è utilizzata prevalentemente dai turisti parmensi, ma è anche un collegamento in direzione Lagastrello, verso il Reggiano e la Toscana.

"Negli ultimi anni - continua Vignali - come in altre parti di Appennino, la fruizione turistica è cresciuta in modo rilevante, ma le potenzialità del territorio non sono ancora state sviluppate. Sabato 1 settembre abbiamo deciso di chiudere la strada al traffico motorizzato per sperimentare una fruizione esclusiva a tutti coloro che prediligono godere questa meravigliosa natura a piedi o in sella della bicicletta o del cavallo. Sarà anche l'occasione per incontrarsi, intorno alle 13 al Rifugio Lagoni, per fare due chiacchiere e bere qualcosa insieme".

Sempre più forte è, infatti, la consapevolezza che per sostenere lo sviluppo del territorio è necessario puntare su un turismo che rispetti l'ambiente.

"La sostenibilità e il turismo responsabile stanno diventando un brand - afferma Claudio Moretti, sindaco di Monchio delle Corti - I Parchi e le istituzioni hanno il dovere di continuare nel lavoro di stimolo anche perché, oltre al valore culturale, la sostenibilità sta assumendo anche una priorità di tipo economico".

L'iniziativa del primo settembre è una sperimentazione e vuole essere, anche "un momento di riflessione e naturalità - come spiega Giuseppe Delsante sindaco Corniglio - per ragionare sulle strategie che permettano di fruire appieno del territorio, specie ora che sono state investite dai Parchi numerose risorse per la mobilità sostenibile con oltre 22 km di sentieri manutentati e risistemati e molte presenze che usufruiscono dei servizio di bike sharing."

Il Parco Nazionale  sta investendo non solo sulla sentieristica del nostro territorio, ma "anche sull'accessibilità - come sottolineano i gestori del rifugio Lagoni - in particolare per valorizzare le ricchezze della zona dei laghi dell'Alta Val Parma. Tutto il territorio si aspetta  interventi finalizzati al miglioramento delle strade d'accesso, in particolare il tratto Lagdei - Lagoni -  Valditacca, che interessa e collega due comuni strategici e unisce le valli del Parma e del Cedra e la zona alta dei laghi,  un unicum nell'Appennino Italiano. Occorre condivisione d'intenti con i parchi e i comuni del territorio. Il percorso è adatto sia per gli escursionisti che per i bikers come dimostra l'aumento delle biciclette a pedalata assistita in circolazione. Anche per questo abbiamo pensato di proporre per sabato, supportati dai molti amici bikers del Rifugio, a quattro itinerari liberi, diversificati per impegno previsto e difficoltà, tutti e 4 con partenza alle 10,00 dai Cancelli". Per informazioni 0521889118

La giornata di sabato sarà presente anche la FIAB che organizzerà un'escursione guidata (bicisieme@yahoo.it) lungo i sentieri tracciati dal CAI. Mentre chi ama camminare potrà partecipare all'escursione nella Riserva Naturale Guadine - Pradaccio (difficoltà media; tempo di percorrenza 4 ore e 30 minuti; prenotazione obbligatoria guida GAE Monica Valenti +39 348 8224846).

Condividi su
 
© 2018 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54010 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr