( Sassalbo, 05 Luglio 18 )

C'è da oggi un nuovo "Atlante dell'Appennino" : un libro per l'Appennino e per l'Italia viene presentato questa mattina in anteprima a Treia presso Macerata nell'ambito di un convegno/seminario di 4 giorni sul tema .
L'Atlante è stato scritto e prodotto per iniziativa del Parco Nazionale dell'Appennino tosco emiliano , del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi e della Fondazione Symbola col supporto del Ministero Ambiente . E' un volume di 236 pagine , completo di dati , tabelle, grafici e immagini e presenta un indice articolato per temi diversi: lo spazio primario, biodiversità, demografia, economia, agricoltura, cibo, boschi, cultura, sentiment on line.
Fausto Giovanelli, in quanto Presidente del Parco Nazionale dell'Apppennino tosco emiliano , ha scritto la premessa che apre il volume e partecipa oggi alla presentazione ufficiale : " serviva, anzi è indispensabile - dice Fausto Giovanelli - una visione da molti punti di vista e al tempo stesso una visione di insieme. L' Appennino è troppo grande, troppo rilevante nella storia del paese , troppo importante per il presente per rimanere tema polverizzato in centomila pezzi o trascurato, salvo i momenti tragici e drammatici dei terremoti.
Serve capire le opportunità, la sfida di coesione e competizione che abbiamo davanti per farne una frontiera di crescita , green economy e migliori stili di vita.
Interessantissimo e persino provocatorio è l'esame dell'intrecciarsi tra emigrazione e immigrazione in Appennino. Sono certo che questo volume farà discutere, farà riflettere e - speriamo - farà pensare positivo e agire, con maggiore cognizione di causa e migliore motivazione e passione. Presto lo presenteremo anche sul nostro territorio. 

Condividi su
 
© 2018 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54010 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr