Tre pecore, tre territori, un gemellaggio

Da un progetto di Anna Kauber in collaborazione con il Parco Nazionale dell’Appennino Tosco Emiliano – MAB UNESCO

( Sassalbo, 14 Maggio 18 )

Tre territori di montagna, Lamon nel bellunese, Valgrisenche in Valle d'Aosta e Corniglio nel parmense sono singolarmente impegnati nella salvaguardia di altrettante razze autoctone di pecore: Lamon, Rosset e Cornigliese. Questi ovini, un tempo allevati in gran quantità, rasentano l'estinzione e con loro rischiano di scomparire le comunità locali, le filiere produttive e i saperi di territori montani. Per non rassegnarsi a questa perdita di biodiversità, i Comuni di Lamon, Valgrisenche e Corniglio, su iniziativa dell'ideatrice del progetto Anna Kauber e dal Parco Nazionale dell'Appennino Tosco Emiliano, Riserva di Biosfera UNESCO, firmeranno un protocollo d'intesa per la valorizzazione delle tre razze ovine.

Il gemellaggio sarà sottoscritto sabato 2 giugno a Lamon, durante la rassegna annuale Pecora di razza Lamon nell'ambito di un incontro pubblico organizzato dall'associazione Fea de Lamon con il supporto del Comune e della Pro loco. Saranno presenti alla cerimonia delegazioni dall'Emilia Romagna e dalla Valle d'Aosta.

Il protocollo d'intesa, pensato nel segno della salvaguardia dall'estinzione, ha l'obiettivo di creare una piattaforma comune di lavoro, di scambio e di reciproco sostegno, i cui benefici possono interessare sia gli allevatori, i trasformatori della carne e della lana, sia Enti di ricerca e Università e infine di movimento turistico, ambientale e gastronomico (fiere e incontri). I territori e il Parco Nazionale si propongono in tal modo di lavorare congiuntamente alla valorizzazione degli aspetti lavorativi, culturali, sociali e ambientali collegati alla conservazione delle tre razze ovine, attraverso l'ideazione, lo scambio e la condivisione di strategie e strumenti collettivi per la comunicazione e la promozione delle azioni dei relativi territori. Diversi i campi d'azione comune: dallo sviluppo delle filiere relative del latte, della carne e della lana, con attenzione e controllo della loro tracciabilità, al il ripristino dei pascoli e mantenimento dell'equilibrio agro-silvo-pastorale e della bellezza del paesaggio; dalle valutazioni dell'impatto del lupo sui territori e analisi delle possibili strategie di convivenza all'ideazione, scambio e condivisione di strategie e strumenti collettivi per la comunicazione e la promozione delle azioni dei relativi territori.

Al fine di allargare la base di partecipazione e interesse, le proposte contenute nel protocollo d'intesa sono state presentate alle relative Amministrazioni Regionali, alle associazioni di categoria, ai diversi Enti Parco dei territori e degli areali di distribuzione degli animali, così come alle Università e agli Istituti che seguono i diversi progetti di recupero. Fondamentale sarà, inoltre, il coinvolgimento delle associazioni degli allevatori e dei trasformatori, locali ma anche nazionali, attente a queste tematiche.

"L'idea del progetto – spiega la curatrice Anna Kauber – è nata durante un viaggio di studio che ho intrapreso attraversando la nostra bella Penisola. Lungo la dorsale montuosa dagli Appennini fino all'Aspromonte, la mia ricerca ha riguardato le donne pastore, e in particolare la specificità di genere in quella cultura storicamente maschile e di impronta patriarcale. In circa due anni ho raccolto centinaia di storie di donne, ma anche di gruppi familiari e delle piccole comunità montane; ho condiviso cibi e memorie, così come le lunghe giornate di lavoro quotidiano dedicato alla pastorizia e alla filiera che ne deriva. Il mestiere del pastore ha una funzione fondamentale per la tutela dei territori, sia dal punto di vista ambientale che idrogeologico. La loro attività è un formidabile contributo al mantenimento - o addirittura, al ripopolamento – dei luoghi svantaggiati della montagna. Non ultimo, garantisce la sopravvivenza della straordinaria biodiversità vegetale e animale del nostro Paese, incaricandosi indirettamente di mantenere anche l'equilibrio e l'armonia dei paesaggi montani. Nonostante, però, le riconosciute ricadute positive di questo mestiere millenario, in Italia da decenni assistiamo alla progressiva scomparsa dei pastori e, conseguentemente, di numerose razze autoctone di animali allevati. Durante i due anni di ricerca - continua la Kauber - ho avuto modo di incontrare molte realtà territoriali impegnate in vario modo al recupero e alla valorizzazione delle proprie varietà locali di specie ovina. Alcune comunità e amministrazioni, come nel caso delle razze Lamon, Rosset e Cornigliese, hanno intrapreso singolarmente azioni per la loro conservazione e valorizzazione ai fini del mantenimento dell'agrobiodiversità allevata nonché della cultura e tradizioni locali associate a piccole filiere economiche locali. Spesso, però, le attività promosse, molte delle quali anche di ottimo livello, restano limitate nella diffusione al proprio stretto territorio, e al breve termine nelle ricadute. In un mondo connesso, per non disperdere le energie e l'impegno delle singole comunità di montagna una possibile strada può proprio essere quella della 'rete', della collaborazione far i diversi soggetti per il comune obbiettivo. Ho così chiesto al Parco Nazionale - sempre molto sensibile a queste tematiche e aperto alle esperienze delle diverse aree montane – di farsi promotore di un Gemellaggio fra Enti e Comuni molto particolare e sicuramente inedito: il Gemellaggio delle tre pecore".

Condividi su
Tre pecore, tre territori, un gemellaggio
Tre pecore, tre territori, un gemellaggio
 
© 2018 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54010 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr