Otto incontri di formazione e aggiornamento nell’ambito del progetto Geosfera Appennino

A partire dal 6 marzo

( Sassalbo, 23 Febbraio 18 )

Si terrà martedì 6 marzo il primo incontro formativo dedicato al progetto Geosfera Appennino, che prevede azioni per la conoscenza e la valorizzazione della geodiversità nella Riserva Mab Unesco Appennino Tosco Emiliano, ed è finanziato dalla Regione Emilia Romagna.

Con questo progetto l'Unione montana con i partner Parco Nazionale, Comuni di Castelnovo ne' Monti, Villa Minozzo e Canossa, Università di Modena e Reggio Emilia e Gruppo Speleologico G. Chierici di Reggio Emilia, si pone l'obiettivo di far conoscere in modo più consapevole e approfondito il patrimonio geologico ricadente sia all'interno del Parco Nazionale, sia nella riserva MaB (Man and Biosphere – Unesco) dell'Appennino Tosco Emiliano.

L'azione che prende il via il 6 marzo è un corso rivolto agli insegnanti di ogni ordine e grado, alle Guide Ambientali Escursionistiche, accompagnatori turistici, educatori, operatori del territorio, ed è organizzata da Dipartimento di Scienze Chimiche e Geologiche di UniMoRe, Unione Montana dell'Appennino Reggiano, Parco Nazionale e Comuni di Castelnovo Monti, Villa Minozzo e Canossa. Sarà un corso gratuito: è prevista esclusivamente una quota di 8 euro all'atto di iscrizione per le spese logistiche (sono escluse eventuali spese di vitto e alloggio in occasione delle escursioni).

Il corso sarà articolato in 8 lezioni, che comprenderanno appunto escursioni, incontri frontali e laboratori, e avranno molteplici obiettivi: stimolare la capacità di leggere le caratteristiche geologiche e geomorfologiche del paesaggio della Riserva Mab Unesco; offrire conoscenze di base per guide e operatori turistici, nonché per i docenti che potranno poi presentarle nell'ambito della propria programmazione scolastica; proporre l'Educazione ambientale e scientifica in modo trasversale alle discipline e alle competenze; favorire l'apprendimento outdoor mediato da facilitatori ed esperti. Il corso è a numero chiuso, pertanto è obbligatorio iscriversi attraverso il modulo scaricabile dai siti web del Parco Nazionale e dell'Unione Montana, oppure inviando i propri dati a: educazioneambientale@parcoappennino.it. Il termine per le iscrizioni è fissato al 2 marzo, ma essendo i posti limitati è consigliabile prendere rapidamente contatto con gli organizzatori.

Si tratta di un progetto finanziato dalla Legge Regionale 9/2006; per info e programma: www.parcoappennino.itwww.mabappennino.itwww.unioneappennino.re.it.

Allegati
Condividi su
 
© 2018 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54010 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr