Giornata Mondiale degli Oceani

Dall’Appennino al Mare lungo le arterie dell’acqua

( Sassalbo, 08 Giugno 17 )

Oggi 8 giugno l'ONU celebra la Giornata Mondiale degli Oceani che per l'edizione 2017 è stata intitolata "I nostri oceani, il nostro futuro". La sensibilità su questo tema è forte anche in tutto il Parco Nazionale e nella Riserva di Biosfera Unesco nell'Appennino tosco – emiliano. Nei nostri crinali, infatti, nascono e si diramano una quantità di rivoli, torrenti e fiumi come il Secchia, il Dolo, l'Enza, il Taro, il Parma e altri affluenti del Po; allo stesso modo il versante toscano è ricco di sorgenti da cui prendono origine affluenti e fiumi come il Marga e il Serchio. La fitta rete di corsi d'acqua, i depositi glaciali, i numerosi laghi, i sistemi lacustri, le torbiere, le zone umide, fanno dell'Appennino uno straordinario serbatoio d'acqua. Ci troviamo, infatti, sul confine climatico tra Europa e Mediterraneo, dove la ricchezza d'acqua contribuisce sicuramente allo sviluppo di ecosistemi complessi e habitat naturali di particolare valore per la loro biodiversità. L'acqua dell'Appennino, a seconda della strada che intraprende, arriva al Tirreno o all'Adriatico, sostenendo lungo il suo tragitto le comunità residenti, impegnate in attività secolari che hanno contribuito a disegnare il paesaggio: un prezioso patrimonio tutelato e caratterizzato da innumerevoli borghi, da una fittissima rete di percorsi, da ampie foraggere, da faggete, da castagneti e da produzioni artistiche, culturali, agricole e alimentari.  

L'acqua stessa è elemento essenziale dell'identità del territorio e anche per questo chi vive in Appennino sa bene quanto essa sia un fattore determinante per il futuro di tutti.  

Condividi su
 
© 2018 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54010 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr