Visite guidate al Lago Calamone con il CFS

Una bella opportunità per scoprire un luogo suggestivo d’Appennino offerta dal CTA del Parco Nazionale

( 13 Ottobre 2008 )

In occasione del 186° anniversario della fondazione del Corpo Forestale dello Stato, il CTA (Coordinamento Territoriale per l'Ambiente) del Parco nazionale dell'Appennino tosco-emiliano organizza nelle giornate del 17,18 e 19 ottobre 2008 delle visite guidate al Lago Calamone nel Comune di Ramiseto (RE) con partenze rispettivamente alle ore 9,11 e 13 di ciascuna giornata.

Il lago Calamone, conosciuto anche come lago del Ventasso dal nome della cima che lo sovrasta, è un bacino naturale circondato da faggete, caratterizzato da grande biodiversità ed endemismi, in virtù dei quali specie animali o vegetali diventano patrimonio esclusivo di un territorio, e da una vicina torbiera. In ottobre i boschi che si specchiano nel lago iniziano a tingersi dei colori dell'autunno generando suggestivi scenari.

Punto di partenza per le iniziative di questo weekend, realizzate in collaborazione con il Corpo Forestale dello Stato di Reggio Emilia, è il parcheggio al termine della strada in località Ventasso Laghi. Per maggiori informazioni è possibile telefonare al C.T.A., nella sede di Cervarezza Terme, in piazza I° Maggio n. 3, al numero 0522/890657.

Condividi su
 
© 2022 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54013 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1 PagoPA
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr