Abetina Regina dell’Inverno

( Sassalbo, 03 Marzo 17 )

L'Abetina Reale svela tutto il fascino dell'Appennino invernale. A godere di panorami mozzafiato, ciaspole e buona cucina ci sono gli studenti dello stage Neve Natura e Cultura d'Appennino. Nella settimana che si è appena conclusa al Rifugio Segheria si sono alternati gli allievi della Scuola Media Statale 'Ugo Foscolo' di Toano e gli studenti dell'Alberghiero 'Nelson Mandela' di Castelnovo ne' Monti.

"Abbiamo fatto una bella salita con gli zaini per raggiungere il rifugio – racconta la professoressa Burnuella Mailli, che ha accompagnato i ragazzi della classe IB del Mandela - ma ne è valsa la pena. Il luogo raggiunto è paradisiaco e il pranzo delizioso. Al pomeriggio abbiamo potuto fare una bella ciaspolata nella neve e infine i laboratori di cucina con i gestori del rifugio Masha e Luca. Tutto perfetto!"

 In questo inverno povero di neve per raggiungere la Dama Bianca bisogna arrivare a 1400 metri d'altezza; poi a quota 1800 si arriva al Rifugio Battisti e qui la natura diventa prorompente. 'Neve Natura' regala esperienze difficili da fare normalmente in un contesto scolastico. Anche la didattica qui ha un altro sapore: il laboratorio di cucina diventa un momento per sperimentare cibi antichi e per reinterpretare piatti della tradizione. Inoltre, per gli studenti, i giorni passati in Appennino, sono stati una vera esperienza di alternanza Scuola-Lavoro con la possibilità di sperimentare da vicino la gestione di una struttura ricettiva importante per l'economia della montagna come un rifugio.

Condividi su
 
© 2018 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54010 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr