Cresce il perimetro del Parco Appennino tosco emiliano

In attesa del decreto che includerà le nuove areee, grazie alle recenti adesioni, cambia notevolmente la perimetrazione

( 12 Settembre 08 )

INTERVENTO DI FAUSTO GIOVANELLI

PRESIDENTE DEL PARCO NAZIONALE APPENNINO TOSCO EMILIANO

"Incorporando 1.500 ettari del Comune di Bagnone (MS), dopo il crinale di Monchio (PR), il borgo di Sologno (Villa Minozzo - RE) e i corridoi di collegamento della Pietra e dei Gessi con il Ventasso (RE), il territorio del Parco si presenterà finalmente sulle quattro province come un tutto unitario e collegato.


Scompaiono le discontinuità e lo spezzettamento in quattro isole di diversa grandezza. Il perimetro che corre e si stringe lungo i crinali esprime, ancora con evidenza, le contraddizioni, sempre però feconde, della democrazia locale, partecipe e protagonista della costruzione del Parco. Al tempo stesso esprime anche la vocazione del Parco Nazionale a essere fisicamente e culturalmente tessuto connettivo di realtà diverse: tra Emilia e Toscana innanzitutto, sullo sfondo di una più vasta connessone tra mare ed Appennino, tra ambiente europeo e ambiente mediterraneo.

Connessioni, sinergie ed alleanze territoriali sono strumenti essenziali per il progetto del Parco. Castelnovo ne' monti e Fivizzano, Villa Minozzo e Frassinoro, Corniglio e Filattiera, Ramiseto Comano e Monchio, hanno realizzato altrettante azioni di gemellaggio e collaborazione nel segno dei progetti del Parco.


Lo stesso inserimento del comune di Bagnone è stato deliberato sulla base di un patto e di un programma di investimenti materiali e azioni immateriali sottoscritto con il Parco medesimo, la Comunità montana e la Provincia di Massa. E alle collaborazioni con le istituzioni locali si aggiungono quelle con l'Università, agenzie culturali e turistiche e i singoli operatori.
Due nuovi comuni e un dieci per cento in più di territorio in meno di due anni sono un segno inequivocabile. Non si tratta solo di perimetri, ma della vitalità dell'idea del Parco nazionale come catalizzatore della volontà di portare innovazione e valore nell'Appennino.


La richiesta di nuovo perimetro che il Parco insieme con i Comuni trasmetterà al Ministero, è espressione di una chiara volontà del territorio".

Condividi su
Il PNATE dopo le recenti adesioni
 
© 2019 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54010 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr