Persone e Natura nell'Appennino tosco-emiliano

Presentazione del libro a Festareggio

( Sassalbo, 17 Agosto 16 )

Sabato 20 agosto ore 18 a Festareggio, a Reggio Emilia, verrà presentato il libro di Alessandra Curotti "Persone e Natura nell'Appennino tosco-emiliano" (Diabasis edizioni), incentrato sulla Riserva Mab Unesco dell'Appennino. Oltre all'autrice interverranno il presidente del Parco Nazionale dell'Appennino Tosco Emiliano, Fausto Giovanelli, il sindaco di Vezzano, Mauro Bigi, e il giornalista Carlo Possa.

"L'APPENNINO ne è soggetto e oggetto, autore e contenuto, ragione e materia...è un prodotto di tantissimi, scritto a più mani, dalle persone, dal lavoro e dalla natura di ieri e di oggi..in risposta a 150 domande formulate dall'Unesco Racconta la realtà di oggi, così come è stata costruita da generazioni e generazioni ....Da non perdere.. se ami l'Appennino"
Ed Diabasis luglio 2016. (in libreria o da chiedere al Parco Nazionale info@parcoappennino.it)

 

Condividi su
 
© 2019 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54010 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr