Castelnovo: si parla di Geografia alla mostra UNESCO

( Sassalbo, 21 Febbraio 16 )

Nell'ambito della mostra "Behind food Sustainability. Il Cibo e l'Ambiente", in esposizione alle scuderie di Palazzo Ducale di Castelnovo ne Monti, venerdì 26 febbraio alle 16,30, il Parco Nazionale, l'Associazione Italiana Insegnanti di Geografia (A.I.I.G.) e SOS Geografia,  presentano libro "Mucche allo stato ebraico. Svarioni da un paese a scarsa cultura geografica". All'incontro sarà presente l'autore, Riccardo Canesi, docente di Geografia allo 'Zaccagna' e all''Einaudi' di Carrara e ideatore de I Giochi di Geografia di cui il Parco Nazionale è sponsor.

Il libro è edito da Orme editori/Tarka ed ha la prefazione di Carlo Petrini, presidente di Slow Food International, e la postfazione del prof.  Gino De Vecchis, docente di Geografia all'Università La Sapienza di Roma, nonché presidente dell'A.I.I.G. Prendendo spunto dai divertenti  svarioni detti o scritti dai suoi studenti nell'arco di quasi trent'anni,  Canesi confeziona quasi un testo di geografia generale, regionale, economica, toccando buona parte degli argomenti, alcuni estremamente attuali, di cui oggi si occupa la Geografia con dati curiosi e molto aggiornati, non facili da reperire .

Il libro, inoltre, vuole denunciare la grave condizione dell'insegnamento della Geografia nella scuola italiana, ingiustificatamente messa ai margini se non cancellata nonostante la sua straordinaria attualità ed utilità.

Condividi su
 
© 2019 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54010 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr