Una guida per la Via del Volto Santo

Realizzata dall’associazione Montagne di Legami

( Sassalbo, 22 Settembre 15 )

La via del Volto Santo ha una nuova guida, presentata recentemente a Expo dall'associazione Montagne di Legami, ospite del Parco Nazionale dell'Appennino Tosco Emiliano nel padiglione Biodiversity Park, area tematica dell'Esposizione Universale dedicata alla biodiversità curata dal Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio.  

La guida, intitolata "La Via del Volto Santo – Lunigiana e Garfagnana a piedi" e realizzata da Nino Giudi e Oreste Verrini, ha suscitato molto interesse, non solo da parte di chi pratica il trekking o ama camminare, ma anche di molte persone che si sono soffermate a consultarla e a chiedere informazioni.  

"Il percorso che abbiamo descritto in questo volume dedicato alla Via storica del Volto Santo – spiega Oreste Verrini, dell'associazione Montagne di Legami – è suddivisa in nove tappe che uniscono Pontremoli a Lucca, ripercorrendo un'antica variante della via Francigena, utilizzata nel passato per sfuggire le zone malariche della costa e per rendere omaggio alla statua lignea del Volto Santo, il Cristo Tunicato conservato nel Duomo di San Martino a Lucca, meta di pellegrinaggio fin dalla sua misteriosa e leggendaria comparsa. Nove tappe che porteranno ad attraversare la Lunigiana prima e la Garfagnana poi, passando per antiche mulattiere, borghi perfettamente conservati, lungo un percorso che muoveva oltre ai pellegrini, mercanti ed eserciti, in una terra ricca di storia e di tradizioni."

Per saperne di più è possibile contattare Oreste Verrini oreste.verrini@gmail.com oppure visitare il sito http://www.montagnedilegami.com/mdl/index.php Informazioni anche sul (http:// www.touringclub.it/itinerari-e-weekend/via-del-volto-santo-decima-e-ultima-tappa-da-borgo-a-mozzano-a-lucca

Condividi su
 
© 2019 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54010 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr