Castello di Torrechiara: Uomo e biosfera

L’Appennino tosco emiliano verso la candidatura MaB UNESCO

( Sassalbo, 29 Ottobre 14 )

Domenica 2 novembre al Castello di Torrechiara (Langhirano - Parma) dalle ore 10.00 si svolgerà l'incontro 'Riflessioni su MAB UNESCO, paesaggio e Appennino', con la partecipazione di Soprintendenza Beni architettonici e paesaggistici di Parma e Piacenza, Comune di Langhirano, Parco Nazionale dell'Appennino, Parchi del Ducato, Università e Fondazione Borri.

Programma del convegno:

Ore 10 Saluto di benvenuto da parte di Gabriella Biasoli, direttore amministrativo

Soprintendenza per i beni architettonici e paesaggistici per le province dei Parma e Piacenza, e di Giordano Bricoli, Sindaco del Comune di Langhirano

ore 10,45 Presentazione del progetto M.A.B. Unesco di Fausto Giovanelli, presidente Parco Nazionale dell'Appennino Tosco-Emiliano

ore 11,15 Tavola rotonda con la partecipazione di: Marina Ferrari, funzionario Soprintendenza per i beni architettonici e paesaggistici per le province dei Parma e Piacenza; Agostino Maggiali, presidente Parchi del Ducato; Claudio Moretti, sindaco di Monchio delle Corti e assessore all'agricoltura della Provincia di Parma; Maria Caterina Siliprandi, vice presidente Fondazione Andrea Borri; Andrea Zanlari, presidente Camera di Commercio di Parma; un rappresentante dell'Università degli Studi di Parma

A seguire aperitivo a Castello

Condividi su
 
© 2019 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54010 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr