Acqua ed Energia, un binomio indissolubile

Giornata Mondiale dell’Acqua 2014

( Sassalbo, 23 Marzo 14 )

La Giornata Mondiale dell'Acqua (World Water Day) - ricorrenza istituita dalle Nazioni Unite nel 1992 allo scopo di mantenere sempre viva l'attenzione sull'emergenza acqua, intesa come accesso al bene comune più prezioso e alla sostenibilità degli habitat acquatici - è il primo appuntamento in vista del 2015, un anno ricco d'importanti scadenze internazionali che vedranno il culmine nell'Esposizione Universale "Nutrire il mondo, energia per la vita". Al centro dell'attenzione, quest'anno, le Nazioni Unite hanno voluto porre l'attenzione sulla forte relazione tra "Acqua ed energia". Expo 2015, infatti, ha l'ambizione di porre agli Stati e alla comunità internazionale proposte e modelli con cui garantire cibo, acqua ed energia per tutti entro il 2030. Una sfida non indifferente, se consideriamo che ciascuna di queste problematiche è strettamente connessa alla crescita della domanda, a fronte di una sempre maggior scarsità o rarefazione delle disponibilità del bene stesso.

Il Parco Nazionale dell'Appennino Tosco Emiliano - che ha intrapreso il percorso verso la candidatura alla rete UNESCO 'Man and Biosphere' (MAB) – ha posto già da tempo al centro dei suoi progetti strategici la relazione 'Acqua ed energia'. I Parco Nazionale, promotore dell'Atelier dell'Acqua e dell'energia di Ligonchio in collaborazione con ENEL e Reggio Children, celebra la giornata mondiale dell'acqua rilanciando gli obbiettivi e le strategie dell'ONU. D'altronde non potrebbe essere altrimenti, visto che il nostro è il Parco delle sorgenti: sui crinali tosco emiliano nascono, infatti, l'Enza, il Secchia, il Parma, il Taro, il Magra e il Serchio e tantissimi rivoli d'acqua.

Condividi su
 
© 2019 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54010 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr