Conversazione sui giovani e la contemporaneità

Romano Prodi interviene all'Atelier di Ligonchio

( Sassalbo, 22 Luglio 13 )

Il Parco Nazionale dell'Appennino Tosco Emiliano, Reggio Children e il Comune di Ligonchio, presentano sabato 27 Luglio ore 17.00  presso l' Atelier delle Acque e delle Energie (Centrale Enel - Ligonchio), 'Conversazione sui giovani e la contemporaneità'.  Interviene, tra gli altri, il professor Romani Prodi. Introduce Carla Rinaldi, presidente di Reggio Children.

"Le cose che cambiano nel mondo" è il tema dell'intervento che Romano Prodi farà alla Centrale Enel di Ligonchio, che accoglie l'Atelier delle Acque e delle Energie "Di Onda in Onda", promosso dal Parco Nazionale dell'Appennino Tosco Emiliano. Accanto a lui, Carla Rinaldi, presidente di Reggio Children,  per una chiacchierata aperta al pubblico che affronterà i temi trattati da Romano Prodi nel suo recente libro, "Capire il mondo, il futuro sfida l'Europa", Cittadella editore.

La globalizzazione sta ridisegnando i profili del mondo, generando un cambiamento vasto e profondo. Alla Centrale Enel, in questo luogo "trasformato", l'incontro ci aiuterà a comprendere questa trasformazione epocale: la crisi degli Stati Uniti e dell'intero Occidente, l'ascesa della Cina e dei Paesi emergenti, i compiti e le responsabilità dell'Europa delineano i contorni del mondo nuovo che sta nascendo. Nonostante le gravi difficoltà del momento, non mancano i segni di speranza nel futuro.

Come questo Atelier, pensato e creato all'interno di una Centrale Elettrica nel cuore dell'Appennino, che poi Romano Prodi, viaggiatore e conoscitore del mondo, ma con il cuore (e la casa) nell'Appennino a pochi chilometri da qui, esplorerà con l'attenzione che ha sempre dedicato alle idee che profumano di futuro.

«L'atelier è un luogo di ricerca creatività e innovazione – conclude il presidente del Parco Nazionale, Fausto Giovanelli - queste sono le cose di cui c'è più bisogno in questo frangente di crisi epocale e la conversazione con Romano Prodi su cosa sta cambiando nel mondo sarà certamente  un contributo a mettere a fuoco lo scenario in cui anche l'Appennino deve cercare nuove strade. Non sarà un appuntamento in cui si parla della politica italiana ma certamente si parlerà degli scenari e delle prospettive dei giovani e della montagna».

Condividi su
 
© 2019 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54010 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr