Studenti di Mare e d'Appennino, dopo l'Alpe di Succiso Vernazza

Dal Parco nazionale dell’Appennino Tosco Emiliano a quello delle Cinque Terre per un project work sull’Area Vasta.

( Sassalbo, 23 Marzo 13 )
 

Protagonisti sono stati gli alunni dell'Istituto Magnaghi di Salsomaggiore Terme, indirizzo turistico alberghiero, in visita alle Cinque Terre dopo aver calcato le nevi dell'Appennino.

Tra le attività, lezioni di marketing territoriale con il personale dell'Ente Parco, escursioni e lezioni di cucina locale con gli operatori del territorio nell'ambito del Maritime Walking Festival.

Dalle montagne dell'Appennino al Mare delle Cinque Terre. Due Parchi nazionali, due territori ricchi di storia e tradizioni. Due esperienze di tutela e valorizzazione territoriale, unite da un ponte ideale che le vedrà protagoniste del project work dedicato a 'Parchi di Mare e d'Appennino', rivolto agli studenti dell'indirizzo turistico alberghiero dell'istituto Magnaghi di Salsomaggiore Terme.
Nel corso del soggiorno a Ligonchio gli studenti hanno partecipato ad alcune attività di 'Neve Natura e Cultura d'Appennino': come l'Atelier delle Acque e delle Energie; il Menu a Km Zero, le escursioni lungo la frontiera climatica guidati dal personale del Parco Nazionale dell'Appennino alla scoperta dell'Aquila e del Lupo e l'incontro con il Presidente del Parco nazionale dell'Appennino, Fausto Giovanelli.

Nelle Cinque Terre, dopo aver incontrato il Presidente Vittorio Alessandro, sono partiti alla scoperta del territorio con il personale del Parco e del CAI.

http://www.parcoappennino.it/

http://www.parconazionale5terre.it/

Condividi su
 
© 2018 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54010 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr