Parco Nazionale e Parco delle Alpi Apuane

Siglata la convenzione per il WAC

( Sassalbo, 23 Gennaio 2013 )

La presenza del Lupo in Appennino è un prezioso contributo alla biodiversità degli ecosistemi, ma richiede un sistema di gestione e monitoraggio che va al di là dei confini amministrativi, per questo il Parco Nazionale dell'Appennino Tosco Emiliano e il Parco Regionale delle Alpi Apuane hanno siglato un accordo che permette di condividere conoscenze e metodologie.

«La necessità di attivare il Wolf Apennine Center (W.A.C.) – afferma Giovanelli, presidente del Parco Nazionale - risponde a una oggettiva esigenza dalle istituzioni interessate dalla ricolonizzazione del proprio territorio da parte del lupo e questa convenzione rappresenta un primo passo verso un rafforzamento dei rapporti di collaborazione tra il Parco Nazionale
e il Parco delle Alpi Apuane».

La rinnovata presenza del lupo in aree a forte antropizzazione solleva rilevanti problemi gestionali, principalmente connessi alla predazione sul bestiame domestico e alla percezione di pericolosità della specie.

«L'acuirsi del conflitto sociale – spiega Willy Reggioni responsabile del W.A.C del Parco Nazionale - l'analisi delle dinamiche locali e il richiamo da parte di alcuni gruppi d'interesse e istituzioni, oltre alla consapevolezza della necessità e dell'opportunità derivate da un'adeguata gestione delle problematiche inerenti la presenza del lupo su scala locale, hanno portato il Parco Nazionale a istituire il W.A.C. con l'obiettivo di rappresentare un osservatorio interregionale (Appennino settentrionale) per trattare in forma coordinata con altri Parchi ed Istituzioni le problematiche gestionali relative alla presenza del predatore, per favorire l'attuazione su media-larga scala di azioni condivise di monitoraggio e gestione della specie che ne garantiscano la conservazione a lungo termine e per ridurre i pregiudizi associati al lupo contribuendo a migliorare la percezione della sua presenza tra il pubblico in generale e i portatori di interesse in particolare».

«La convenzione siglata con il Parco nazionale dell'Appennino Tosco emiliano sancisce certamente l'avvio di un rapporto di collaborazione tra istituzioni geograficamente vicine e caratterizzate da obiettivi simili consentendo, inoltre, di ottimizzare l'uso delle risorse disponibili in un ottica di contenimento dei costi» afferma Paolo Giannarelli, commissario del Parco Regionale delle Alpi Apuane.

Altre Amministrazioni potranno in un prossimo futuro aderire formalmente all'iniziativa, allargando il territorio di competenza del W.A.C.

Condividi su
 
© 2021 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54013 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1 PagoPA
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr