Reggio Children e i sui Atelier al MoMa di New York

Inaugurato il Digital landscapes Atelier

( Sassalbo, 26 Settembre 12 )

Inaugurato al Museum of Modern Art - MoMa di New York, il "Digital landscapes – The Wonder of  Learning Atelier" (l'Atelier dei Paesaggi digitali – Lo Stupore del conoscere) di Reggio Children, dedicato al digitale. L'evento è avvenuto in contemporanea con l'apertura ufficiale del nuovo spazio 'Tra matericità e digitale' al Centro Internazionale Loris Malaguzzi, a Reggio Emilia. I due Atelier di Reggio Children rappresentano un'evoluzione e cercano di intrecciare digitale e materia.

Lo spazio espositivo al Moma affianca la mostra "Century of the Child: Growing by Design, 1900–2000", ed è parte degli eventi, workshop, laboratori, incontri e seminari, che il museo newyorkese, considerato tra i principali musei d'arte moderna del mondo, ha voluto realizzare a corollario della mostra dedicata alla storia del design per l'infanzia tra il 1900 e il 2000, inaugurata lo scorso mese di luglio.

Il nuovo Atelier di Reggio Emilia, invece, nasce per indagare e scoprire possibili e inusitati incontri tra matericità e strumenti digitali: due approcci tenuti separati sino a poco tempo fa, ma che è ormai impensabile non intrecciare, creando nuove idee di matericità, manualità e digitale.

«La tecnologia entra nel quotidiano – spiegano gli specialisti di Reggio Children - non domina, ma si mescola con altri linguaggi. I "nativi digitali" hanno un atteggiamento disinvolto nei confronti della tecnologia: il loro approccio è fortemente empatico e avventuroso, per nulla gerarchico. Mescolano l'uso del video, la webcam, la tavoletta grafica, le proiezioni e gli oggetti, creando paesaggi immaginari e meravigliosi di cui, essi stessi, sono parte integrante.

Lo spazio e gli strumenti a disposizione nell'atelier sono un invito a esplorare le zone di confine tra ottica e scenografia, grafica e tridimensionalità, costruttività reale e immateriale, ricercando nuove connessioni tra le parti. Il "contagio" mescola tutto, rompe schemi e categorie tradizionali e reinventa il modo sia di concepire il digitale, sia di concepire la materia».

Condividi su
 
© 2019 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54010 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1 PagoPA
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr