Il Monte Cimone 'stazione meteorologica globale'

L’infrastruttura di ricerca è la prima Global Station in Italia della Rete Gaw dell'Organizzazione meteorologica mondiale

( 24 Marzo 11 )

L'Organizzazione meteorologica mondiale ha deciso: l'infrastruttura di ricerca posta sulla vetta di Monte Cimone,  gestita dal Servizio meteorologico dell'Aeronautica militare in coordinamento con il Consiglio nazionale delle ricerche, viene classificata Stazione globale all'interno del programma internazionale Gaw (Global Atmosphere Watch), fino ad ora l'unica in Italia.

Monte Cimone, dirimpettaio del Cusna e di questo più alto di una quarantina di metri, si trova nel Parco del Frignano ed è il rilievo più elevato dell'Appennino settentrionale. Oltre alla quota elevata gode di un orizzonte completamente libero e di una posizione lontana da qualsiasi forma di inquinante atmosferico locale. E' per questo un punto privilegiato per studiare le caratteristiche chimico-fisiche e la climatologia della troposfera, garantendo inoltre anche osservazioni meteorologiche continuative. Attività che sono appunto svolte dal Servizio meteorologico dell'Aeronautica militare e dall'Istituto "Ottavio Vittori" di scienze dell'atmosfera e del clima del Consiglio nazionale delle ricerche (Isac-Cnr).

Con questa classificazione da parte dell'Organizzazione meteorologica mondiale viene sancito che la qualità e l'unicità delle misure effettuate in vetta al Cimone in campo meteorologico e ambientale hanno una rilevanza a livello mondiale. Le stazioni di osservazione del programma Gaw sono solo 34 in tutto il pianeta; vi figura ad esempio la stazione EvK2Cnr «Everest - Pyramid», situata a oltre 5.000 m di quota in Himalaya, alle pendici dell'Everest, recentemente divenuta la 33esima Gaw Global Station.

Paolo Bonasoni, responsabile della Stazione dell'Isac-Cnr – osserva che «essendo il Cimone la vetta più alta dell'Appennino settentrionale, e non avendo ostacoli a 360 gradi, è possibile studiare i fenomeni che avvengono durante il trasporto di masse d'aria ricche di inquinanti e gas climalteranti, di polvere dal deserto del Sahara o di particolato prodotto da incendi boschivi, anche a scala intercontinentale. Le misure eseguite a Monte Cimone, permettono quindi di valutare l'impatto dei cambiamenti climatici in un'area particolarmente antropizzata come quella del sud Europa e del bacino del Mediterraneo.

Ma al Cimone non si fa solo ricerca scientifica. Dal 2004, grazie alla collaborazione fra Isac-Cnr, Servizio meteorologico dell'Aeronautica militare e Parco regionale del Frignano, è attivo un servizio di educazione ambientale che consente di vedere dove e come nascono le misure inerenti il clima che cambia e l'atmosfera. Studenti e scolaresche, gruppi organizzati e singoli visitatori possono percorrere il "Sentiero della Atmosfera". Lungo tale percorso, che dalle pendici di Monte Cimone porta sino alla vetta della montagna, sono collocati pannelli che illustrano le attività di studio e monitoraggio, introducendo così il pubblico, in determinati periodi dell'anno, a visite guidate della Stazione di ricerca del Cnr e dell'Osservatorio meteorologico dell'Aeronautica.

Condividi su
 
© 2019 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54010 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr