Il Memorial Colò torna domenica 29 agosto

( 27 Agosto 10 )

Tresana. Promo Ciclo ri­propone domenica, per il quinto anno consecutivo, il "Memorial Antonio Colò": deus ex machina della mani­festazione è Paolo Colò, fi­glio dell'indimenticato Anto­nio e dirigente di punta della società ciclistica sportiva. Molti i soggetti che hanno contribuito a consolidare la tradizione del "Colò" e che, anche quest'anno, hanno scelto di "investire" sulla ma­nifestazione: ente di prima­rio riferimento, promotore dell'iniziativa, il Parco Nazio­nale delle cinque Terre, che ha coinvolto nell'attività il Parco Nazionale dell'Appen­nino Tosco Emiliano, contri­buendo a dare un ulteriore senso al nome del Memorial: Giro della Lunigiana Storica dalla Riviera all'Appennino.

Anche i comuni della Lunigiana non faranno mancare il loro sostegno alla manifestazione: Tresana, sede di ar rivo in località Groppo, ma anche Fivizzano, Licciana, Mulazzo e Villafranca L.. ol­tre alle Province La Spezia e Massa Carrara e dulcis in fundo AGLI, che ha aderito con entusiasmo all'iniziati­va.

Oltre sessanta gli atleti Ju­niores già iscritti, che non si sono fatti intimorire dalla du rezza del tracciato: insomma la gara si preannuncia serra­ta e bellissima per conforma­zione geografica e struttura­le. Partenza fissata per le 14.30 da Riomaggiore, arrivo atteso per le 17 circa nel cuo re di Groppo, al termine di una gara dal sapore antico.

Condividi su
 
© 2019 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54010 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr