Dove mangiare

Un itinerario del gusto tra i sapori del Parco

Il territorio del Parco nazionale dell'Appennino Tosco-Emiliano è storicamente ricco di produzioni agroalimentari di alta qualità che hanno contribuito a diffondere una cultura enogastronomica di eccellenza, fortemente legata alla tradizione e all'utilizzo di ricette antiche, spesso rivisitate in chiave moderna. Conosciuto da millenni il farro I.G.P. della Garfagnana è usato per cucinare minestre, insalate fredde, dolci. Il miele e la farina di castagna D.O.P. della Lunigiana costituiscono l'ingrediente base di un buon "castagnaccio". Crudo di Parma e Parmigiano Reggiano sono componenti cardine di cucine dai sapori forti ed eterogenei conosciute a livello mondiale.


Gli operatori contrassegnati da questo logo  Progetto Ecoclusterpartecipano al progetto ECO-Cluster, Environmental COoperation model for Cluster, un progetto coordinato dal Parco Nazionale dell'Appennino Tosco-Emiliano e co-finanziato dall'Unione europea nell'ambito del programma LIFE+ Environment 2009 (LIFE09/ENV/IT/188).

Trovati 138 risultati.
Pagina 1 di 5
»
Vari
Vetto (RE)
Rifugi
Ventasso (RE)
Ristoranti
Ventasso (RE)
Rifugi
Corniglio (PR)
Ristoranti
Frassinoro (MO)
Rifugi
Villa Minozzo (RE)
Pizzerie
Ventasso (RE)
Ristoranti
Ventasso (RE)
Trattorie
Ventasso (RE)
Ristoranti
Vezzano sul Crostolo (RE)
Bar
Villa Minozzo (RE)
Rifugi
Villa Minozzo (RE)
Ristoranti
Villa Minozzo (RE)
Ristoranti
Villa Minozzo (RE)
Ristoranti
Villa Minozzo (RE)
Ristoranti
Villa Minozzo (RE)
Ristoranti
Villa Minozzo (RE)
Ristoranti
Ventasso (RE)
Ristoranti
Ventasso (RE)
Ristoranti
Ventasso (RE)
Ristoranti
Ventasso (RE)
Ristoranti
Carpineti (RE)
Pagina 1 di 5
»
Condividi su
 
© 2018 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54010 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr