Foliage in Riserva: la fioritura autunnale della faggeta

Esplosione di colori nella Riserva Guadine Pradaccio

Domenica 11 Ottobre 2020

Iniziativa a cura di: Guide Ambientali Escursionistiche -
Il più spettacolare set fotografico dell'anno in faggeta, è sicuramente quello che si realizza quando le foglie dei faggi cambiano colore assumendo infinite tonalità di rosso, giallo, arancio. Questo momento magico, nel Parco Nazionale dell'Appennino tosco emiliano, si verifica solitamente appena passata la metà di ottobre, e uno dei luoghi più belli in cui andarlo ad osservare è senza dubbio la Riserva Guadine Pradaccio, in cui si entra solo in gruppo, accompagnati dai Carabinieri Forestali. Qui crescono protetti anche tanti funghi (che saranno raccontati dalla Guida, micologo) compresi porcini che nessuno può raccogliere. Raggiunto il Lago Pradaccio ammireremo i colori dei faggi che si specchiano nelle acque del lago, inframezzati dagli spicchi di cielo blu di questo angolo incontaminato di Appennino.

  • Dislivello 300 m, percorrenza soste escluse 3 ore, rientro ore 13,30.
  • Necessario abbigliamento e calzature da escursione, borraccia. Costo: € 15 adulti, 10 bambini. Al termine dell'escursione per chi vuole pranzo alla carta al Rifugio (0521.889353). Numero massimo 20.

Escursione e prenotazioni (obbligatorie e anticipate) secondo le modalità anti COVID-19. Numero limitato di posti disponibili.info sul sito della guida o al momento del contatto.
Info e prenotazioni obbligatorie escursione: escursioni@rifugiolagdei.it - cell. 328.8116651


Tag: escursioni
Luogo: Rifugio Lagdei, ore 9.30   Comune: Corniglio (PR)  Regione: Emilia-Romagna  
Condividi su
 
© 2020 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54013 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1 PagoPA
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr