Laghi Paduli, Gora, Gonella di Monte Acuto

Domenica 1 Settembre 2019

Al confine tra Parma, Reggio e Massa Carrara, il Parco Nazionale del Appennino Tosco Emiliano regala ancora emozioni. Durante l'escursione toccheremo quattro laghi dominati dai 1785 mt dal Monte Acuto.
La bellissima conca del lago di Monte Acuto ospita il rifugio città di Sarzana. Tra boschi,rocce e acqua sarà una goduria per vivere la natura. Fantastico!! Ma bisogna essere allenati!

  • Ritrovo ore 9.00 Partenza ore 9.15
  • Punto di ritrovo: parcheggio ponte stradale diga del Lagastrello (RE)
  • Percorso: ad Anello Escursionistico dislivello 650mt
  • Durata: circa 5 ore 30 minuti
  • Abbigliamento: scarpe da trekking alte, cappello, pantaloni lunghi, impermeabile, binocolo, acqua da bere, pranzo al sacco.
  • Prenotazione obbligatoria
  • Quota di partecipazione: 15 Euro
  • In caso di maltempo l'escursione verrà annullata
  • Info e prenotazioni: E-mail: torreggianifranco@virgilio.it - Cell. 3475320761

L'organizzatore declina ogni responsabilità in merito a eventuali incidenti a persone o cose durante l'escursione. Non è prevista copertura infortuni per i partecipanti. La Guida si riserva di non accettare persone non adeguatamente attrezzate.

Escursione guidata da TORREGGIANI FRANCO, GUIDA AMBIENTALE ESCURSIONISTICA
Tel. 3475320761 - E-mail: torreggianifranco@virgilio.it - www.facebook.com/SentieriEmiliani
Con abilitazione ufficiale Regione Emilia Romagna
Guida assicurata come disp. di LR n°4 1/2/2000


Tag: escursioni
Condividi su
 
© 2019 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54010 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr