Le conche d'oro dell'alta Val Parma

Camminando fra le conche glaciali e la cima del Monte Braiola

Domenica 14 Luglio 2019 ore 09:30

Iniziativa a cura di: Guide Ambientali Escursionistiche
Con questa escursione attraverseremo due delle più belle conche glaciali della Val Parma, fino ad affacciarci allo splendido balcone panoramico della cima del Monte Braiola. Attraverso il morbido sentiero di Maria Luigia guadagneremo progressivamente quota fino a raggiungere il limite del Bosco nei pressi della Capanna Schiaffino, dove si apre la prima splendida  conca (quella del Braiola) ammantata di mirtilli. Da qui guadagneremo la cima del Monte Braiola da cui la visuale spazia a 360° dal mare alla pianura Padana al resto dell'Appennino Parmense e Reggiano. Dopo aver percorso un tratto di crinale ridiscenderemo fino a raggiungere il sentiero che ci porterà nella conca del Marmagna e fino allo splendido Lago Santo Parmense. Sosta ristoratrice al Rifugio Mariotti, e discesa finale a Lagdei (anche in seggiovia per chi fosse stanco)

  • Dislivello 650 m, percorrenza soste escluse 4 ore. Difficoltà media.
  • Necessario giacca a vento, abbigliamento e calzature da escursione, bastoncini da trek, pranzo al sacco).
  • Costo: € 15 adulti.  

Info e prenotazioni obbligatorie Guida A.E. Antonio Rinaldi cell. 328.8116651 - antonio.rinaldi.76@gmail.com - www.terre-emerse.it


Tag: escursioni
Luogo: Rifugio Lagdei   Comune: Corniglio (PR)  Regione: Emilia-Romagna  
Condividi su
 
© 2019 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54010 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr