Serata "M'illumino di meno": cena a lume di candela e ciaspolata al sorger della luna

Nella serata di sensibilizzazione per il risparmio energetico: cena a lume di candela e ciaspolata a veder la luna appena sorta

Venerdì 22 Febbraio 2019

Questa sera alle19 le luci del Rifugio si spegneranno per dare spazio a una serata a lume di candela con la quale in Rifugio aderisce a "M'illumino di meno" iniziativa promossa da Caterpillar (Radio 2): tante piccole fiammelle e la luce del focolare della stufa garantiranno una serata magica e romantica. Cena a lume di candela: alle 19,30 con menu alla carta
Ciaspolata: ore 21,30 ciaspolata (percorrenza soste escluse: 1,5-2 ore; dislivello massimo 200 m;  orario di rientro previsto: 23,30 - 24 circa. Grado di difficoltà: escursione medio facile, adatta anche a principianti in forma e disposti a faticare un po'. Necessità: torcia se possibile frontale, cuffia, sciarpa, guanti, scarponi, ciaspole (noleggiabili al Rifugio su prenotazione), bastoncini, e quanto altro utile per un'escursione invernale, in caso di assenza di neve si effettuerà come passeggiata. Quota individuale accompagnamento: € 15 adulti, € 10 ragazzi (10-13).

Prenotazione obbligatoria Antonio 328.8116651 antonio.rinaldi.76@gmail.com   www.terre-emerse.it / Fb Terre Emerse - Prenotazione sola cena: Rifugio Lagdei 0521.889353.


Tag: escursioni, racchette da neve, ciaspole, famiglie
Luogo: Rifugio Lagdei, ore 19.30 cena - 21.15 escursione   Comune: Corniglio (PR)  Regione: Emilia-Romagna  
Condividi su
 
© 2019 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54010 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr