A spasso con l'erborista, erbe, tisane e tortelli

Erbe selvatiche da usare in cucina della montagna

Sabato 19 Maggio 2018

Iniziativa a cura di: Rifugio Lagdei
La montagna nella seconda metà di maggio è in pieno risveglio e offre il meglio del suo verde, del suo rigoglio, della sua varietà di erbe. Con l'aiuto di Maurizio Pedrazzini, erborista dell'Orto dei Semplici di Parma, durante una semplice escursione passeggiata adatta a tutti andremo alla ricerca di fiori erbe spontanee: commestibili, velenose e curative, e l'esperto ne spiegherà principi, virtù, e utilizzi. Alle 19,30 si rientrerà in Rifugio per la cena in tavolata che vedrà un menu arricchito da alcuni piatti in cui saranno protagoniste le erbe. Tortelli di spinacio selvatico raccolto nei dintorni del Rifugio, ma anche la Torta d'erbe della vicina tradizione lunigianese, e un'insalatina arricchita di alcune erbe selvatiche e coltivate. Alla fine della cena, tisana digestiva sempre spiegata e offerta dall'erborista.

  • Dislivello massimo 250 m, percorrenza soste escluse 2,5 ore, rientro ore 19,30.
  • Necessari abbigliamento e calzature da escursione. Escursione e degustazioni tisane gratuite. Cena alle erbe € 25 piatto unico bimbi € 12 euro.  

Info e prenotazioni obbligatorie escursione: Guida A.E. Antonio Rinaldi 328.8116651.


Tag: escursioni
Luogo: Rifugio Lagdei, ore 16.30   Comune: Corniglio (PR)  Regione: Emilia-Romagna  
Condividi su
 
© 2018 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54010 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr