Montagne, prati, nuvole, brume e foschie illuminate dagli argentei raggi della Luna piena

Sabato 28 Aprile 2018

Una Lunata è più di un'escursione notturna come tante... Qui si entra in punta di piedi nel cuore e nella storia di una Foresta demaniale vecchia un secolo, con il suo fascino e le sue particolarità. Per poi giungere nei prati, dove la torcia non serve più e si cammina solo guidati dalla luce del nostro satellite in un'atmosfera che sa di magia. Una serata da trascorrere in compagnia su sentieri adatti a tutti coloro che sono disposti a faticare un po'. E oltre la Luna, la suggestione dei rumori del bosco e dei suoi abitanti, e storie e le leggende della tradizione. 

  • Alle 19,30, per chi vuole ci si trova per mangiare insieme al Rifugio: cena con menu libero, alla carta (anche in tavolata comune).
  • Alle 20,45 ci si raduna davanti al Rifugio e alle 21 si parte per l'escursione per rientrare attorno alle 23,30-24.
  • Dislivello 250 m, percorrenza soste escluse 2,5 ore. Adatte a bambini sopra i 7 anni. Necessario giacca a vento, abbigliamento e calzature da escursione, torcia possibilmente frontale. Costo: €13 adulti, 7 bambini.

Info e prenotazioni obbligatorie escursione e cena in tavolata: Guida A.E. Antonio Rinaldi cell. 328.8116651 antonio.rinaldi@terre-emerse.it - www.terre-emerse.it / Fb Terre Emerse


Tag: escursioni, notturne
Luogo: Rifugio Lagdei, ore 21.00   Comune: Corniglio (PR)  Regione: Emilia-Romagna  
Condividi su
 
© 2018 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54010 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr