12° Mangialonga tra i borghi di Civago

Domenica 19 Luglio 2015

Questa è la prima mangialonga organizzata in terra reggiana: l'autentica mangialonga, che resiste a tutti i tentativi di imitazione, è quella di Civago.
Una bella passeggiata che ci conduce lungo i sentieri che collegano il centro del paese con le tante borgate un tempo abitate dai pastori che ancora oggi costituiscono l'originale struttura del paese.
Ci si trova alle 9.30 nella piazza principale di Civago per le iscrizioni, e dopo la foto di rito, si affronta il percorso. Roncofrapano, Case Cattalini, Calcinare, La Stetta, Case Fioravanti, Case di Civago, La Romita, Lame Piane, Parco dei Principi, I Canini, Mulino, Casa del Ponte, vari punti tra i quali i camminatori si ristoreranno con spuntini all'ombra dei castagni approfittando dei tavoli imbanditi delle specialità locali preparati dalla comunità civaghina. Rientro in piazza per le ore 16.00 circa, per tutti i partecipanti, con polenta e musica.
La proposta è per tutti, dai 2 ai 90 anni, con o senza cani al seguito, è una passeggiata a ritmo rilassato e contemplativo e non presenta alcuna difficoltà tecnica.

Per informazioni e prenotazioni: Andrea 340/5615124 - Laura 345/7989900


Tag: escursioni, gastronomia
Comune: Villa Minozzo (RE)  Regione: Emilia-Romagna  
Condividi su
 
© 2019 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54010 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1 PagoPA
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr