Orme selvagge: le foto della vita segreta degli animali del bosco

Davide e Isacco Zerbini, ci presentano i loro libri, ci mostrano le loro foto, e…

Sabato 18 Luglio 2015

Iniziativa a cura di: Rifugio Lagdei
Tassi, lupi, volpi, cinghiali, caprioli, ma anche donnole, scoiattoli, faine e martore: non manca proprio nessuno alla grande famiglia degli animali del bosco ritratti da Davide e Isacco Zerbini in decenni di appassionata attività e raccolti recentemente in due volumi dal titolo "Orme Selvagge" (editi da Silva, usciti con la Gazzetta di Parma e in vendita da oggi anche al Rifugio). Fotografare gli animali nel loro ambiente naturale è cosa molto difficile, i due fratelli fotografi hanno scelto da anni la via delle trappole fotografiche: macchine fotografiche piazzate nel bosco, con flash e sensori di movimento, pronte a scattare a ogni passaggio. Questo pomeriggio Davide e Isacco, presentandoci il loro libro, ci mostreranno le loro migliori fotografie (anche inedite) e condivideranno con noi la loro esperienza e l'emozione dell'apertura di una trappola fotografica con la sorpresa di vedere per la prima volta le foto che ha scattato.
Partecipazione libera. Dopo la presentazione alle ore 19,30  possibilità di cena alla carta (0521.889353).


Tag: escursioni
Luogo: Rifugio Lagdei, ore 16.30   Comune: Corniglio (PR)  Regione: Emilia-Romagna  
Condividi su
 
© 2019 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54010 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1 PagoPA
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr