Un lungo cammino nell'Appennino settentrionale

Il libro raccoglie un reportage narrativo e foto di qualità unitamente a un ricco e dettagliato apparato tecnico per visitare al meglio i luoghi presentati.
Unica nel suo genere in Appennino, l'Alta Via dei Parchi, è stata finanziata dalla regione Emilia-Romagna e dai Parchi attraversati e rappresenta una straordinaria opportunità per conoscere le bellezze dei parchi montani della regione. L'Alta Via dei Parchi parte da Berceto, nei pressi del Passo della Cisa, in Provincia di Parma, e arriva fino alla rupe della Verna, protesa sul Casentino per poi raggiungere l'eremo sul Monte Carpegna, nel Parco del Sasso Simone e Simoncello.
Un itinerario in 27 tappe attraverso l'Appennino fra l'Emilia-Romagna, la Toscana e le Marche, che tocca ben 10 province (Parma, Reggio Emilia, Modena, Bologna, Ravenna, Forlì-Cesena, Rimini, Lucca, Massa-Carrara e Pesaro-Urbino): 500 chilometri di salite e discese che uniscono due Parchi nazionali, cinque Parchi regionali e uno interregionale. Gli autori della pubblicazione "Alta Via dei Parchi - un lungo cammino nell'appenino settentrionale" Mario Vianelli e Sandro Bassi, percorrono a piedi tutto il tragitto raccontando le bellezze che le montagne offrono: circhi glaciali, immense praterie d'alta quota, laghi, sterminate faggete e castagneti da frutto, limpidi torrenti, rupi vulcaniche, falesie di gesso e calanchi. I loro reportage si arricchiscono di foto di alta qualità e di approfondimenti storico-ambientali.
Nella seconda metà del volume invece un dettagliato apparato tecnico fornisce indicazioni utili a chi voglia incamminarsi: alle informazioni pratiche con le caratteristiche dell'itinerario e le possibilità di accesso con mezzi pubblici, seguono le 27 schede descrittive delle tappe, documentate dalle carte topografiche con l'indicazione dell'itinerario e dei principali collegamenti con le località più prossime al crinale appenninico; seguono poi le informazioni sulle strutture (rifugi, ostelli, alberghi, agriturismi, ecc.) individuate come posti tappa ed infine 8 schede descrittive, una per ogni Parco attraversato.
Nell'ordine, partendo da Berceto in Provincia di Parma, si incontrano: il Parco nazionale dell'Appennino Tosco-Emiliano esteso dal parmense a gran parte dell'alta montagna reggiana; il Parco regionale delle Valli del Cedra e del Parma, comprendente parte delle omonime valli e compenetrato al precedente; il Parco regionale dell'Alto Appennino Modenese e il Parco regionale del Corno alle Scale che abbracciano il settore orientale del crinale emiliano. Nella media montagna bolognese troviamo il Parco regionale dei Laghi Suviana e Brasimone, mentre il Parco regionale della Vena del Gesso tutela uno straordinario affioramento di rocce gessose. Il Parco nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna avvolge il crinale tosco romagnolo con un ininterrotto mantello di foreste, mentre il Parco interregionale Sasso Simone e Simoncello tutela ambienti di pregio fra i quali spicca una delle cerrete più estese d'Europa.
  • Autore: Mario Vianelli, Sandro Bassi
  • Editore: Ediciclo
  • ISBN: 978-88-6549-067-9
  • Pagine: 192
  • Formato: 13x22 cm
  • Anno: 2012
  • Prezzo: 18,00 €  in offerta a 15,00 €
Condividi su
 
© 2019 - Ente Parco Nazionale Appennino Tosco-Emiliano
Via Comunale, 23 54010 Sassalbo di Fivizzano (MS) Tel. 0585-947200 - Contatti
C.F./P.IVA 02018520359
Codice univoco per la fatturazione elettronica: UF6SX1
Albo Pretorio - Amministrazione trasparente - URP - Privacy
Un parco tra Europa e Mediterraneo

L'Appennino che si innalza tra il mare di Toscana e la pianura dell'Emilia, respira le arie dell'Europa e quelle del Mediterraneo.
Il Crinale corre sul filo dei 2000 metri.
È un sentiero, sospeso tra due mondi che nelle 4 stagioni cambiano, ribaltano e rigenerano i colori, le emozioni, i profumi e le prospettive.
Si concentra qui gran parte della biodiversità italiana favorita dalla contiguità della zone climatiche europea e mediterranea.
Oggi sempre di più sono turisti ed escursionisti, con gli scarponi, con i bastoni, con le ciaspole o i ramponi, con gli sci e con le biciclette. Ognuno può scegliere il modo di esplorare questo mondo, da sempre abitato e vissuto a stretto contatto con la natura e le stagioni che dettano ogni giorno un'agenda diversa.

Facebook
Twitter
Youtube
Flickr