Ecco i vincitori dell’edizione 2014/15 del Menu Km Zero!

Senza-titolo-1Il Ristorante Pizzeria da Claudia di Corniglio (PR) vince l’edizione 2014/2015 della rassegna “Appennino Gastronomico – Menu a Km Zero“, promossa dal Parco Nazionale dell’Appennino Tosco-Emiliano in collaborazione con Coldiretti e ALMA, La Scuola Internazionale di Cucina Italiana.

Al secondo posto il Ristorante La Nuova Jera di Bagnone (MS), e al terzo il Rifugio della Pietra di Castelnovo ne’ Monti (RE).
La rassegna “Appennino Gastronomico – Menu a Km Zero”, anche scorrendo la classifica, conferma la sua vocazione a rappresentare il ricco paesaggio alimentare del Parco Nazionale, fatto di eccellenze gastronomiche e pregiate produzioni tipiche.

1 4 1 Senza-titolo-4 4

L’evento di premiazione della rassegna si svolgerà a EXPO MILANO 2015, giovedì 11 Giugno a partire dalle 17.30 presso lo spazio Coldiretti. Un’opportunità importante per il Parco Nazionale e soprattutto per gli operatori del territorio. All’evento è prevista la partecipazione di Gualtiero Marchesi, fondatore e rettore di ALMA.
Menzioni speciali:

PREMIO SERVIZIO: Ristorante La Baita d’Oro (Castelnovo ne’ Monti RE)
PREMIO OSPITALITÀ: Ristorante Il Capolinea (Castelnovo ne’ Monti RE)
PREMIO VALORIZZAZIONE PRODOTTO TIPICO: Ristorante La Pioppa (Villa Minozzo RE)
PREMIO VALORIZZAZIONE DEL TERRITORIO E DEL TURISMO: Agriturismo Valle dei Cavalieri (Succiso di Ramiseto RE)
PREMIO TRADIZIONE: Albergo Ristorante Val Dolo (Civago – Villa Minozzo RE)
PREMIO MIGLIOR MENÙ KM0: Agriturismo Montagna Verde (Apella di Licciana Nardi MS)
PREMIO INTRAPRENDENZA: Ristorante 50 Sfumature (Loc Morsiano di Villa Minozzo RE)
PREMIO MIGLIOR MENÙ TOSCO – EMILIANO: Albergo Ristorante Miramonti (Comano MS)
PREMIO QUALITÀ AGRO – BIODIVERSITÀ: Rifugio Lagdei (Corniglio PR)

Una straordinaria ricchezza di prodotti agroalimentari di alta qualità e una grande cultura eno-gastronomica fatta di sentimento, identità e consapevolezza.
Dai territori dell’Appennino un esempio concreto e virtuoso del messaggio di EXPO 2015.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *