Chi era Fra’ Ranaldo?

Logo05
“Chi fosse davvero Fra’ Ranaldo nemmeno io di preciso lo so; si narra di lui quale incontro fortuito nelle foreste di faggio del nostro appennino, si dice giungesse dalle piane di Scarzara fino a spingersi sui crinali sopra il Cerreto, sempre accompagnato da Rianna, la sua fidata asinella.

Se fosse frate, pellegrino o mago non saprei, né che cosa lo spingesse a vagare per quei monti: mi fu però subito evidente il senso di gratitudine che lui continuamente manifestava per poter condurre una vita quale la sua, fatta di profumi, viste e sensazioni che solo il monte, la macchia e le rocce potevano dare.

Ma ciò che dai monti riceveva, lui ripagava, insegnando il rispetto per quei luoghi, mostrando le chiavi per vivere al meglio le ore tra i monti, perché restassero intatti ai posteri, cosi’ come lui li aveva conosciuti.

E se poi Rianna sapesse davvero in anticipo il cambio del tempo o se sapesse davvero indicare i funghi per terra con le sue lunghe orecchie, questo fatevelo raccontare da altri che hanno avuto la fortuna di incontarlo: io lo voglio ricordare quale esempio di rispetto e di simbiosi con la natura rendendolo qui, come nei boschi, sempre vivo e presente: Fra’ Ranaldo da Scarzara!”

3 pensieri su “Chi era Fra’ Ranaldo?

  1. caro frate ti seguo sul sito .mi chiamo lucio e vado a funghi da quando mio padre mi portava con lui da piccolissimo ;abito a piacenza e penso ,senza falsa modestia, di avere insegnato ai boschi centinaia di persone che adesso hanno anche 80 anni.conosco bene tutta la nostra provincia ,la vostra, e non solo.solo 10 giorni fa ho fatto x 2 volte circa 20 kg in val d aosta.ho boschi di castagni a vezzolacca di vernasca in val d arda dove .per adesso non ho visto nulla.

Lascia un Commento